Racconti

“Riempimi di te” di J.B. Dakini

Illustrazione di Wasted Pleasures

La porta si chiude con un rumore sordo e vedo il tuo sorriso scomparire dietro il legno massiccio. Valigia alla mano e borsa in spalla ti ho guardato avviarti verso l’uscita e ancora una volta non ho potuto evitare di avvertire quella malinconia sorda in fondo alla gola. Non importa quanto tempo stai lontano da me, so che mi mancherai in modi in cui nessun altro ha mai saputo mancarmi. Il mio corpo ti cercherà durante la notte, allungherò un piede sotto le coperte alla ricerca del rassicurante contatto con la tua pelle. I miei occhi ti vedranno in tutte quelle espressioni di te che riempiono le mie giornate.
Sospiro: “Sono proprio melodrammatica!” penso e batto la mano sulla fronte per prendendomi un po’ in giro, come faresti tu.
Mi alzo dal divano e vado in cerca del mio tesoro nascosto. Apro l’armadio e trovo il tuo maglione preferito, quello di lana pesante, grigio con gli alamari e lo infilo per scaldarmi. Il tuo odore invade i miei sensi e brividi caldi di benessere percorrono le mie gambe.
Che effetto mi fai…e mentre ripenso al lungo bacio con il quale mi hai salutato, un’indecente emozione si espande dalla mia pancia e sale alle guance donandogli rossore. So cosa diresti ora, ti piacerebbe vedere che ancora adesso, mi imbarazzo per così poco.
Avvolta dal calore e dal ricordo del tuo corpo torno in soggiorno per regalarmi un po’ di riposo. Mi accoccolo in un angolo del divano e mi assopisco come una gatta davanti al fuoco.

Con il cuore che batte all’impazzata mi sveglio di soprassalto, quando sento il rumore delle chiavi che girano nella serratura. In una frazione di secondo ho già vagliato tutte le ipotesi più catastrofiche ma dalla porta che si schiude appari tu, come un sogno.
Mi guardi con l’intensità del tuo essere e molli la borsa all’ingresso. Ti precipiti verso di me e prendendo il mio viso tra le tue mani mi investi con un bacio affamato. Rispondo con la tua stessa energia e avvolgo le tue spalle per dimostrati che sono irrimediabilmente tua.
Le nostre lingue si intrecciano e le nostre labbra incollate lottano con crescente ardore. Mugolii di eccitazione sfuggono al mio controllo mentre le mie mani si intrufolano sotto la tua maglietta.
Con un gesto inaspettato mi sollevi con la potenza delle tue braccia invitandomi ad avvolgere il tuo bacino con le mie gambe. Mi fa impazzire ogni volta il modo in cui reggi il mio corpo eccitato sopra il tuo. Senza staccare un secondo le labbra dalle mie, ti avvicini al muro e con decisione mi spingi contro la parete. Mi lasci andare giusto il tempo di liberare dai pantaloni il tuo sesso gonfio e palpitante, per poi addentrarti sotto la mia gonna e sfilarmi l’intimo già bagnato della mia voglia.
Sto ansimando in modo caotico mentre mi guardi pieno di desiderio.
«Questi occhi infuocati, Dio quanto li amo…», mi dicono le tue labbra prima di andare in esplorazione del mio collo.
Ondeggio, ansimo e palpito.
Ti bramo e tu godi dello spettacolo di vedermi perdere il controllo sotto l’influsso delle tue sapienti mani. Infili due dita a tastare la mia essenza per avere la certezza di sentirmi pronta e il tuo orgoglio si riempie con l’umidità che trovi ad attenderti.
Continui a sorreggermi quando con una forte spinta mi penetri e rompi anche l’ultima mia barriera di lucidità. Brividi di piacere infiammano ogni centimetro della mia pelle.
È il risveglio totale del corpo, è energia ancestrale che si sprigiona in ogni cellula e viene a guarire.
È amore fatto carne, è unione di pensieri e parole.
Spingi sempre più forte e ruoti il tuo sesso incontenibile dentro la mia calda accoglienza che lo avvolge, mentre io sono persa in uno stato di estasi sublime.
Il respiro confuso si trasforma in grido e la forza del mio orgasmo risuona tra le parenti di questa stanza che gira. Giusto il tempo di godere della soddisfazione della tua donna e poi sei tu a raggiungere il culmine con un’espressione animale di bellezza indescrivibile.
Rimaniamo incollati l’uno all’altra per il tempo necessario a riportare i nostri respiri alla normalità.
Un bacio dolce e morbido ci restituisce alla realtà mentre una liquida emozione scivola lungo la mia guancia.
«Perché sei tornato indietro? – ti chiedo in un sussurro.»
«Perché prima di partire, avevo bisogno di riempirmi di te.»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...