Senza categoria

Dating App: lui non ha cancellato l’app dal cellulare…

Ci scrivono quanto segue…

Screenshot_20190325_182251

I vostri consigli:

No, si è reso conto di aver fatto uno sbaglio  ma lo rifarebbe ancora, riprova ancora con un altro nickname.

Se fossi in te non mi fiderei troppo. Concederei questa seconda occasione, perché nessuno è perfetto, ma non di più! Se dovesse ricapitare una seconda volta non lo crederei…
Niente di sconvolgente. La sofferenza nasce dall’adottare la monogamia come paradigma relazionale “naturale”. La risposta ai comunissimi problemi di questo tipo è il poliamore. Consiglio la lettura de La zoccola etica. Kisses
Io posso solo darti il mio parere maschile al riguardo. Personalmente non mi permetterei mai di parlare con persone sconosciute all’insaputa della mia ragazza, e certamente non chiederei a una sconosciuta “come è fatta”. Se il mio interesse fosse realmente solo di fare una chiacchierata non sarebbe nemmeno così interessante, no? Ad una ragazza al bar non chiederei, ad esempio, la misura del suo reggiseno (non che questo sia il caso del tuo ragazzo, ma penso di essermi spiegato).Se la cosa ti disturba parlane con lui. Se la serenità della mia ragazza dipendesse anche dal cancellare un giochino sul telefono, non ci penserei mezzo secondo.
Il mio ex ha fatto lo stesso, perdonami se sarò drastica, ma non ti fidare, mollalo. Potrà cercare di convincerti mille volte, ma non cambiano mai purtroppo. Quando sono infedeli all’inizio (soprattutto all’inizio) lo saranno sempre. Esperienza insegna, se posso evitarti sofferenze inutili il mio consiglio è proprio quello di cui sopra: tronca subito.
Il lupo perde il pelo ma non il vizio… io non mi fiderei, specie considerando che abitano a distanza.
Sarò cinica ma io non riuscirei a credergli, sono quelle piccole cose che vanno ad incidere sulla fiducia e continuerei a temere che si comporti così. Ovviamente dipende anche da cosa vuoi tu da questa storia!
Di base secondo me ci deve essere la fiducia. Se già ti poni il problema (credere alle sue parole o no) vuol dire che la fiducia vacilla. Cerca di capire se ci sono altri motivi per avere dubbi sulla sua fiducia e poi eventualmente parlane con lui. Fai quello che ‘senti’ senza pensare troppo. Cioè se senti di poterti fidare non farti troppe paranoie.
Questo va buttato nel cestino. E non nell’umido. A meno che a lei vada bene stare con un bugiardo. Ci sta.
Non mettere in trappola le persone, te le vai veramente a cercare. Cmq, mi pare che la sua sia un’abitudine consolidata. Se ci tieni alla relazione potreste sperimentare diversi gradi di “apertura”. Anche se scommetto che lui chatterebbe in giro e poco altro, mentre invece tu, che mi pari più intelligente e scafata, potresti avere l’occasione di sperimentare un’assetto sentimentale diverso dalla monogamia a tutti i costi.

Le vostre esperienze con le DatingApp!

Mah, nulla di particolare. Avevo appena compiuto 18 anni, volevo sperimentare qualcosa “da grandi” (finalmente legalmente ). Ho conosciuto un ragazzo di una decina di anni più grande di me, laureando in giornalismo, che mi invitò a bere qualcosa insieme. Però, resa dal terrore che fosse solo uno dei tanti in cerca di sesso (e probabilmente era così) ed essendo io ancora vergine, alla fine cancellai direttamente l’app senza dirgli nulla. Mai più scaricate e tuttora è un approccio che non mi ispira granché. Preferisco ancora il contatto visivo/fisico fin da subito.
Mi sono iscritta a gleeden app per incontri extraconiugali… Alcuni andati bene altri meno, sono ancora iscritta e in cerca di sesso occasionale.
Ho usato Wapa, piattaforma attraverso la quale avevo contattato la mia ormai ex.
Utilizzo da una vita le app. Sono utili nei tempi morti, tipo nelle pause di lavoro. Si conosce gente (se questa è propensa all incontro… Altrimenti è solo perdita di tempo). Che si tratti di storie o avventure, la persona conosciuta ti trasmette sempre qualcosa. Positiva o negativa che sia. È esperienza.
Io uso Tinder in maniera disinteressata. Ho incontrato un paio di persone in poco più di un anno. E con queste persone non siamo andati oltre un semplice caffè in un bar.
Ho iniziato ad usare una app ad inizio gennaio, e subito ho conosciuto un ragazzo interessante che abitava poco lontano da me. Ci siamo scritti per un paio di settimane prima di incontrarci dal vivo per un aperitivo. Da subito ci siamo piaciuti, abbiamo chiacchierato parecchio, e a fine serata c’è stato pure un bacio. Ci siamo rivisti, il feeling persisteva, ed abbiamo fatto sesso quella volta, e anche dopo gli altri tre appuntamenti. Dopo un mese o poco più di frequentazione l’ho liquidato  perché mi ha invitata a raggiungerlo ad una festa, e quando sono arrivata l’ho trovato ubriaco marcio, non si reggeva in piedi, voleva togliersi i vestiti, ha fatto pipì in pubblico davanti a tutti, ed altre scene pietose simili. Come una cretina, ho accettato di riaccompagnarlo a casa, e nel tragitto ha cominciato a dire di non credere di avere l’esclusiva su di lui, visto che prima del mio arrivo alla festa se ne era fatte altre tre. Io non batto ciglio, anzi, specifico di non avergli chiesto niente. Poi prosegue il suo discorso vaneggiante, dicendo di avere un passato difficile di alcol e violenza, di cui non aveva fatto cenno negli appuntamenti precedenti. Io di nuovo annuisco solamente, non commentando. Lo lascio a casa. Il giorno dopo mi chiede cosa mi avesse raccontato perché non si ricordava nulla. Io gli dico tutto per filo e per segno. Lui si giustifica dicendo di essersi inventato tutto per mettermi alla prova e vedere le mie reazioni di fronte –> a rivelazioni scomode. Io gli dico che una relazione del genere, dove non si può avere fiducia l’uno nell’altra, non è quello che mi cerco. Lui replica che la sto facendo più grande di quella che è. Io però dico che con uno inaffidabile e che racconta balle non sono interessata a passare del tempo, e neanche a farci solo sesso. E da lì non ci siamo più visti né sentiti. Insomma, la mia prima esperienza con le dating app insomma è stata breve e fallimentare.
Ne usato svariati, per relazioni da un giorno o serie. Le mie due ultime storie sono nate su tinder, la prima è durata quasi 4 anni, l’ultima è una storia da Erasmus eppure la stiamo vivendo a distanza da ormai 7 mesi. C’è un bonus Erasmus+tinder? Pane per i denti degli scettici, eppure non sono mai stata così tanto sicura di una relazione…
Ho cominciato ad usarla perché ero fondamentalmente annoiata e avevo bisogno di qualcosa di diverso… sulle app i ragazzi sono molto sfacciati non avendo paura del confronto diretto, e come tutto si trovano grandi stronzi e brave persone.
Un anno fa incontrai il mio ragazzo, storia a distanza bella complicata che si è conclusa da qualche giorno… È una cosa che consiglio? Ni, se si ha bisogno di qualcosa di diverso è divertente, c’è anche il rischio però che diventi una facile soluzione a
Qualsiasi tipo di crisi, soprattutto se si è soggetti con poca stabilità emotiva e mentale, un arma a doppio taglio in sintesi.
Tornata a casa dopo quasi 10 anni fuori non conoscevo quasi più nessuno. Ho scaricato tinder e ora è un anno che stiamo insieme.
Io ho conosciuto in chat l’uomo che mi ha sbloccato sessualmente. 8 mesi intensi. Sono stata molto male quando è finita perché dovevo dire addio al mio piacere sessuale,invece lo ringrazio perché mi ha insegnato molto. È successo 2 anni fa, a 31 anni.
Ho usato badoo, vale come app di incontri? Ho conosciuto un ragazzo molto bello, ci siamo visti a casa sua, fatto sesso che non e’ stato nulla di che visto che ha passato tutta la sera a parlare della sua ex, e ci siamo rivisti solo perché avevo lasciato degli anelli da lui. Basta… non credo siano davvero utili.
Ho utilizzato tinder la scorsa estate. Prima di partire per la vacanza ho incontrato un uomo che al primo appuntamento pensa vo non mi piacesse, ma al secondo…ho scoperto la miglior intesa sessuale provata. Dopo un altro incontro sono partita in vacanza e ho continuato ad usare tinder. Ho conosciuto un neozelandese con cui sono uscita due volte e c’è stato un primo approccio. Rientrata in Itala ho ripreso a vedere il primo uomo e ci siamo frequentati per un paio di mesi in una relazione fatta
Di sesso e anche piccole attenzioni carine ma nessuno si è mai esposto. Nel mentre il neozelandese incontrato in vacanza è venuto a trovarmi e abbiamo passato una bella settimana insieme. Storia impossibile da proseguire ma che mi è servita per capire che forse avrei potuto approfondire la conoscenza con l’altro invece di mantenere le distanze per paura di qualcosa di più. Purtroppo nel mentre lui ha conosciuto un’altra e quindi abbiamo interrotto la frequentazione. Attualmente sento comunque Ancora entrambi in modo più o meno amichevole. Sottotitolo: come complicarsi la vita.
Ho usato Tinder per circa un anno. Ero da poco uscita da una relazione malsana nella quale mi sentivo totalmente inutile e priva di significato. Inizialmente è stato puro divertimento, diversi incontri, piccole frequentazioni, che alla fine non diventano nulla se non relazioni di tipo sessuale. Gli approcci passavano da “belle tette” a “secondo me sei brava a fare i pompini”. Questo mi aveva totalmente fatto credere che non avrei mai incontrato una persona intelligente su una dating app. Eppure mi sono dovuta ricredere perché alla fine ho incontrato un uomo meraviglioso, ha tutto quello che stavo cercando e ora conviviamo felicemente. E ho anche amici e amiche che su queste app hanno incontrato persone con le quali sono felici. Quindi, per quanto siano spesso usate prevalentemente per il sesso, possono anche diventare la giusta occasione 🙂
Sono perfette se cerchi divertimento senza alcuna implicazione ma non è il caso di aspettarsi di trovare l’amore della vita perché tendenzialmente le utilizza chi vuole divertimento senza impegno.
Tante uscite ma l’ultima… dura da 6 mesi
Su un sito di incontri ho trovato l’amore della mia vita. Siamo insieme da sei anni. Bisogna essere un po’ fortunati, molto selettivi, e saper rischiare per le occasioni. Come nella vita in generale.
Devo raccontarla in breve? Perché ci potrei scrivere un libro
In sintesi, ho passato circa due anni sulle dating app. Il primo ragazzo che ho incontrato è stato per solo sesso, neanche un’uscita prima. L’ultimo conosciuto su tinder invece è il mio attuale ragazzo.
Ho incontrato una trentina di persone in totale, con qualcuno ero più in sintonia, con altri meno. Con qualcuno è nata un’amicizia che dura ancora. Con qualcuno ho fatto dell’ottimo sesso, con qualcun altro pessimo.
Dovendo tirare le somme, direi che è una esperienza che  mi ha arricchita e aiutata a conoscermi meglio, anche quando ho incontrato persone che non avrei mai voluto rivedere.
devo dire che il mio primo approccio con le cosiddette “dating app” non è stato così catastrofico. l’app in questione è wapa, dunque appuntamenti tra donne. ovviamente, la maggior parte degli utenti o era fake oppure cercava solo rapporti sessuali, esperienze e quanto altro. credo di non essere andata lì con lo stesso obiettivo, forse cercavo veramente qualcosa di bello, spinta dalla noia, che si potesse creare con una persona. in effetti ho conosciuto belle persone con cui resto in contatto
— tutt’ora, ma non ho mai trovato nessuno di veramente interessante sotto quel punto di vista. probabilmente l’errore è mio perché ho capito dopo che non era proprio il posto adatto per una cosa del genere hahahaha però vabbè, tentar non nuoce.
A me le app di incontri hanno aiutato a ricominciare. Dopo la fine di una storia quasi decennale avevo tante paure, non ultima quella di non piacere più, di non saper rimettermi in gioco: grazie alla “leggerezza” di quel mondo mi sono potuto buttare senza paura, e ho conosciuto un sacco di persone belle. Ho scoperto parti di me che non conoscevo, mi sono divertita e ho anche capito di potermi ri innamorare.
Io forse purtroppo mi sono persa la domanda sulle esperienze riguardo le dating app ma ti volevo raccontare la mia. Ho conosciuto la mia ragazza di Tinder circa un anno fa. Sì, posto dove ti dicono che trovi solo disagi, solo gente che vuole scopare etc etc… noi invece ci siamo innamorate e messe in gioco da subito, lasciando le persone con le quali nel frattempo avevamo due relazioni piuttosto infelici. Ora stiamo insieme e siamo contente di avere avuto l‘opportunità di conoscerci e non ci vergognamo per nulla delle modalità con cui ciò è avvenuto. In fondo, non puoi prevedere chi ci incontri su una dating app, è solo un modo per conoscere persone come tanti altri!
Con wapa, app di incontri per sole donne, ho conosciuto una ragazza dolcissima, un’amica davvero importante ormai. Altro punto a suo favore: con lei il sesso migliore che abbia mai fatto.
Su telegram invece (che non è propriamente un’app di incontri, ma viene usata, un po’ come kik perché permette di nascondere il numero di telefono, per proseguire le conversazioni iniziate sull’app di incontri) ho conosciuto la ragazza di cui in questo momento son innamorata.
Io ho sperimentato le dating app quando l’anno scorso, un po’ per sfida, un po’ per curiosità, ho deciso di scaricarmi Tinder, her e wapa, tutte insieme! Le ho prese col beneficio del dubbio e senza aspettative, ero uscita da un brutto periodo in cui avevo avuto bisogno di una pausa, e cercavo sostanzialmente vicinanza e affinità emotiva in un periodo della mia vita in cui mi sentivo molto sola, forse questo è l’errore
Sostanzialmente alcuni approcci con queste app sono stati traumatici, altri brevissimi, alcuni un po’ più lunghi ma non hanno mai portato assolutamente a niente. In più, ho avuto modo di conoscere delle ragazze con cui ho intrattenuto dei rapporti per un po’ di tempo ed è una piacevole amicizia. In un caso in particolare ne sono uscita un po’ traumatizzata, in quanto ero davvero davvero coinvolta e emotivamente presa, e mi ha lasciata molto delusa e sola. Ma io credo che comunque sia stata una possibilità di condivisione e scambi di prospettive! Comunque sia andata non mi pento di averlo fatto, ma poi ho smesso di usare tutte quelle app, le ho cancellate giurando di non averne mai più a che fare, e mi risulta delicato anche parlarne. È stato divertente, è stata una sfida, ma non è il modo che io personalmente preferisco per conoscere una persona, sia come primo approccio che successivo. Molto spesso penso di tornare a riutilizzarle ma non voglio
Ricascare di nuovo in quel baratro, non penso mi farebbe bene. Preferisco uscire e conoscere le persone dal vivo! In conclusione, mi dispiace non poter partecipare al raduno a Milano, mi sembra un’iniziativa molto interessante ed è sicuramente una bella occasione!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...