ClitoInterviste

Intervista a dieci vagine (parte 2)

VAGINA L.

Ricordi le tue prime pulsioni sessuali? Se SI, parlacene.

Ricordo che ai tempi delle elementari giocavo a barbie con una mia amica che aveva un fratello piu grande che le aveva spiegato taaante cose ma forse non bene perchè quando facevamo fare sesso barbie e Ken il condom glielo facevamo mettere dopo il rapporto…:-) Poi ricordo che con mio cugino quasi coetanei ci divertivamo a vederci nudi ma eravamo gia alle medie e iniziavamo ad avere i peli nei punti giusti.

Parlaci della tua prima masturbazione. Ci piacciono i dettagli!

Se non ricordo male con Ken della Barbie…me lo mettevo nelle mutande quando ero nel bagno e lo mettevo appoggiato come se fosse un uomo vero tra le mie gambe e lo facevo andare in su e in giu strusciandolo in quel punto li. Poi mi piacque talmente tanto che decisi di provare con le dita 😉

E adesso raccontaci della tua prima volta. (Se non hai mai fatto sesso spiegaci perché.)

La mia prima volta avevo 18 anni è stata a casa del mio fidanzato anche lui diciottenne, in mansarda… con in sottofondo “In the air tonight” di Phil Collins … non è entrato subito ma sapere che eravamo noi 2 “quasi” uniti è stato emozionante, un bellissimo ricordo … i particolari però mi sono sfuggiti!

Hai mai avuto un incontro ravvicinato con un’altra vagina?
Se SI, raccontaci tutto!
Se NO, ti piacerebbe? E perché?

No, mai avuto, e non mi interessa ma sui siti porno su cui navigo mi piace vedere lesbiche in azione!

Credi di avere delle perversioni sessuali?
Se SI, parlacene!

mmmmm…non lo so…

Hai mai guardato la tua vagina allo specchio?
Se SI, raccontaci cosa hai visto e provato.

La guardo sempre, me la controllo spesso e obbligo anche mia figlia a guardarsela per capire e scoprire il suo corpo. Purtroppo il parto me l ha completamente stragiata e non è un bello spettacolo ma fa il suo dovere e anche bene!

C’è qualcosa che vorresti fare sessualmente e non hai mai (ancora) osato chiedere?

Penso che mi manchi un’orgia poi ho fatto di tutto. Ma non mi piace il sesso di gruppo, mi vergognerei con altre persone.

La situazione più strana che ti è capitata “a letto”…

Forse più che situazione strana mi posso ricollegare alla perversione, secondo me shit e pissing sono il top della perversione, quando possiamo senza tanto imbarazzo le pratichiamo. E’ una cosa un pò strana ma ci piace.

Come vivi la tua sessualità rispetto ad amici, familiari e conoscenti?

Ne parlo apertamente…certo con i miei genitori non vado mai nei dettagli, per me è naturale e bello, è amore verso il mio partner!

Se la tua vagina potesse parlare, che cosa direbbe?

Brava continua cosi!

VAGINA A.

Ricordi le tue prime pulsioni sessuali?
Se SI, parlacene.

Ricordo perfettamente quando immaginavo nei minimi dettagli scene erotiche con protagonista un mio compagno di classe delle medie.Immaginavo i baci e le carezze e mi piaceva parlare di queste fantasie con la mia migliore amica dell’epoca, entrambe facevamo finta che fossero cose successe per davvero e ognuna aggiungeva un dettaglio piccante. Un giorno decidemmo che dovevamo fare delle prove prima che queste cose accadessero per davvero nella realtà, così iniziammo a baciarci mentre eravamo nude, è quella fu la prima volta che davvero provai eccitazione sessuale. Le prove andarono avanti per un po’ ,poi lei passó alla pratica.

Parlaci della tua prima masturbazione. Ci piacciono i dettagli!

Le prime volte in bagno, usando solo la fantasia, i porno nemmeno sapevo cosa fossero. Iniziavo ad uscire con quello che fu il mio primo ragazzo, avevo 14 anni e non volevo ancora fare sesso, ma tornavo a casa dalle uscite con lui molto eccitata. Mi chiudevo in bagno e mi toccavo. Non avevo ancora una grande consapevolezza del mio corpo e non riuscivo a provare piacere stimolando il clitoride, quindi preferivo la stimolazione vaginale. La prima volta che mi toccai persi un po’ di sangue, ma nessun dolore, e dopo le dita inizia con il manico di una spazzola. Mi ricordo che l’idea di provare piacere da sola mi fece sentire potente!

E adesso raccontaci della tua prima volta.
(Se non hai mai fatto sesso spiegaci perché.)

Non fu una grande novità visto che il suo pene non fu la prima cosa che entrò nella mia vagina, ricordo che fu molto bello e dolce. Eravamo in una pineta, era estate, io seduta su un tavolo da picnic in pietra e lui in piedi davanti a me.

Hai mai avuto un incontro ravvicinato con un’altra vagina?
Se SI, raccontaci tutto!
Se NO, ti piacerebbe? E perché?

Ho avuto un incontro ravvicinato con due vagine in passato.
Con il mio ex desideravamo avere un rapporto a tre e si è presentata l’occasione con una sua collega di lavoro. Non pensavo che dell’esperienza mi piacesse tanto il contatto con lei, per non parlare del suo odore e della sensazione che mi dava sentire il suo sapore in bocca al mio ex. Gli incontri sono andati avanti per diversi mesi prima di interrompere. L’esperienza in se mi ha aiutato ad accettare di essere profondamente attratta anche dalle donne, e a ricollegare il fatto che quei primi baci con la mia migliore amica non fossero proprio solo delle prove.
Dopo esserci lasciati, il mio ex ha iniziato a vedere un’altra ragazza e io un altro ragazzo. Questo non ci impediva di vederci di tanto in tanto e avere rapporti. Decidemmo di fare di nuovo l’amore in tre con la ragazza con cui usciva lui in quel momento, questa volta fu ancora più bello perché la ragazza in questione era interessata alle ragazze quanto me. Anche qui andò avanti quasi per un anno…

Credi di avere delle perversioni sessuali?
Se SI, parlacene!

Non credo che esistano perversioni sessuali, o meglio, finché si è tra persone adulte e consenzienti non vedo limiti nell’esplorare tutte le sfaccettature del piacere sessuale. Nell’immaginario comune potrebbe essere considerata perversione la mia bisessualità e la voglia di avere rapporti a tre.

Hai mai guardato la tua vagina allo specchio?
Se SI, raccontaci cosa hai visto e provato.

Tante volte, principalmente da ragazzina per rasarmi e per curiosità. Più recentemente per imparare a mettere la coppetta mestruale.

C’è qualcosa che vorresti fare sessualmente e non hai mai (ancora) osato chiedere?

Mi piacerebbe provare a fare l’amore con due ragazzi.

La situazione più strana che ti è capitata “a letto”…

Devo dire che non mi è mai capitato niente di particolarmente “strano”!

Come vivi la tua sessualità rispetto ad amici, familiari e conoscenti?

Sono molto riservata, principalmente per paura di essere giudicata o per mancanza di voglia nell’educare il prossimo all’apertura mentale in questo senso. Con il partner sento l’esigenza di chiarire i miei gusti e di essere accettata, altrimenti non riesco a creare un rapporto.

Se la tua vagina potesse parlare, che cosa direbbe?

Direbbe che è molto felice in questo momento, non è mai stata più consapevole di ciò che le piace e ciò che non le piace!

VAGINA R.

Ricordi le tue prime pulsioni sessuali?
Se SI, parlacene.

Ricordo che da bambina provavo gusto a far accoppiare tra di loro i miei giocattoli; che fossero di peluche, plastica dura o altro poco importava, immaginare lo sfregamento delle loro parti intime mi dava piacere. Ogni tanto, poi, se accavallavo le gambe in un certo modo oppure camminavo in un certo modo, scoprivo di provare piacere e quindi cercavo di farlo spesso.

Parlaci della tua prima masturbazione. Ci piacciono i dettagli!

Per parlare di ciò dovrei distinguere due prime volte, ovvero: la prima timida toccatina e la prima volta che sono venuta (in assoluto). La primissima volta è stata all’età di 13 anni circa, però avevo un po’ di paura e ricordo di non aver provato piacere molto a lungo, dopo qualche secondo credo di essermi fatta male e quindi ho lasciato subito perdere. La prima “vera” volta è stato molto più in là: 17 anni e stavo in Costa Rica; ero lì per 6 mesi di scambio culturale e, nonostante le voci che osannano quel posto, per me è stata in parte una sofferenza viverci. La gente era estremamente chiusa e la mia mentalità “europea” ha trovato difficoltà per beccare dei punti di incontro; detto ciò una sera, dopo una giornata particolarmente difficile, ho provato a toccarmi seriamente. Questa volta è stato più semplice: ero già umida e ho cercato una posizione delle dita che potesse darmi solo piacere e non dolore, senza fretta. Piano piano mi stavo avvicinando all’orgasmo, tuttavia poco prima mi sono fermata poiché la sensazione era troppo forte. Il giorno dopo ci ho riprovato e sono venuta per la prima volta nella mia vita: non ero vergine, tuttavia con nessuno dei ragazzi con cui ero stata avevo provato veramente gusto nel fare sesso. Forse perché prima avrei dovuto provarlo da me.

E adesso raccontaci della tua prima volta.
(Se non hai mai fatto sesso spiegaci perché.)

La mia prima volta è stata a 14/15 anni, non ricordo con esattezza. Era il mio primo amore: lo conoscevo da quando ero bambina, facevamo anche le feste di compleanno insieme perché era nato 5 giorni prima di me. Eravamo entrambi decisamente impacciati (la prima volta anche per lui), avevamo già provato a toccarci a vicenda senza successo e un giorno che sua madre non c’era avevamo deciso di provarci. È stato estremamente meccanico: l’ho aiutato a mettersi il preservativo (con un po’ di fifa perché ancora la vista del pene mi turbava) si è messo sopra di me e ha spinto. A quel punto ho provato molto dolore, tanto che l’ho chiesto di fermarsi un paio di volte, poi ho sentito “rompersi” qualcosa ed è entrato con un po’ di difficoltà; ricordo che mentre spingeva non facevo altro che chiedermi quando sarebbe arrivato il piacere. Dopo poco ho sentito il bisogno di andare in bagno e, una volta arrivata, ho notato la perdita di sangue; lui era molto timido e non sapeva cosa dire, l’ho tranquillizzato e poi la serata si è conclusa così.

Hai mai avuto un incontro ravvicinato con un’altra vagina?
Se SI, raccontaci tutto!
Se NO, ti piacerebbe? E perché?

Il mio primo incontro ravvicinato non è stato in realtà un vero e proprio incontro ravvicinato. Stavo in Costarica e ho conosciuto Ericka, una ragazza con la quale ho condiviso lo stesso tetto per un po’. Avevamo entrambe pulsioni che ci attraevano verso lo stesso sesso, e abbiamo deciso di avvicinarci un po’; prima che le cose potessero diventare più interessanti, però, siamo state beccate e io cacciata di casa. Molto bene. Ilsecondo vero incontro è stato qualche mese fa. Io e il mio ragazzo conosciamo una coppia di nostri amici, molto aperta, entrambi affascinanti; gli proponiamo un incontro piacevole a quattro. Tra una cosa e l’altra avevamo pianificato tutto e ciò ci ha resi particolarmente tesi, tuttavia il primo passo l’ho fatto io baciando lei e trascinandola a letto. A quel punto l’ho spogliata e ricordo di essermi eccitata parecchio a vederla nuda, a quel punto non ci ho pensato due volte e l’ho baciata nell’intimità. Di quell’incontro a quattro, quel momento per me è stato l’unico degno di nota.

Credi di avere delle perversioni sessuali?
Se SI, parlacene!

Se per “perverso” s’intende qualcosa di eccitante e positivo sì, ne ho molte e ne ho avute tante nel tempo, tutte confidate al mio attuale ragazzo. Ho avuto è sempre avrò una passione per gli Hentai, fumetti soprattutto, ho sempre fantasticato sui rapporti incestuosi che leggevo tra le loro pagine. Tra le mie fantasie erotiche ci sono i rapporti a tre e anche orge, che in parte sono riuscita a soddisfare con il mio partner, inoltre stiamo approfondendo il nostro interesse per l’universo BDSM e ci siamo recentemente dichiarati incuriositi dal pissing. In passato provavo anche piacere a immaginare rapporti che coinvolgevano animali, ma adesso il pensiero non mi eccita più.

Hai mai guardato la tua vagina allo specchio?
Se SI, raccontaci cosa hai visto e provato.

Sì, ero già abbastanza grandicella; avrò avuto circa 12 anni. Ricordo di essermi seduta con le mutande calate su una scomoda cassapanca, in bagno; con lo specchio davanti avevo iniziato a studiarmi: ho la pelle olivastra, quindi c’era un certo contrasto tra il rosa delle labbra vaginali e l’esterno, mi sembrò una ferita. Mi fece un po’ impressione ma ho continuato a osservarla per un bel po’, esplorando il suo interno e giochicchiando con le piccole labbra.

C’è qualcosa che vorresti fare sessualmente e non hai mai (ancora) osato chiedere?

Mi dispiace rispondere brevemente a una domanda ma in realtà sono felice di dire: no, tutto ciò che desidero e ho desiderato l’ho espresso.

La situazione più strana che ti è capitata “a letto”…

Ce ne sono state tante: fare sesso a tre il giorno del mio compleanno, per giunta nella camera dei miei però è degna di nota. Purtroppo non voglio scendere nei particolari e mi dispiace… ricordare quei momenti così belli e ormai passati mi mette molta tristezza.

Come vivi la tua sessualità rispetto ad amici, familiari e conoscenti?

Parlo molto e con piacere di sesso con amici e parenti. La mia famiglia conosce la mia natura bisessuale e hanno tutti, compresi i miei nonni, una mente molto aperta al dialogo. Mia madre conosce quasi nei dettagli la mia vita sessuale, così come anche mia sorella, di 14 anni; con mio padre ne parlo meno spesso, credo semplicemente per mancanza di tempo. Con i miei amici abbiamo un rapporto più diretto poiché, in quanto coetanei, parliamo quasi sempre di esperienze condivise e che possiamo comprendere.

Se la tua vagina potesse parlare, che cosa direbbe?

Se la mia vagina potesse parlare mi ringrazierebbe, diamine! Ahahahahah

Annunci

Una risposta a "Intervista a dieci vagine (parte 2)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...